Sony: si lavora al nuovo data center

I tempi sono più lunghi del previsto. In questi giorni Sony è impegnata nel trasloco dei server dall’attuale data center di San Diego al nuovo, che sarà in un’altra località per adesso sconosciuta. Il tutto parte dall’attacco hacker, ad opera di sconosciuti, portato tra il 17 e il 19 aprile e che ha costretto l’azienda giapponese a spegnere i servizi Playstation Network e Qriocity. Il furto ha interessato i dati di circa 78 milioni di utenti, causando un danno d’immagine incredibile. Per ovviare a tale problematica, Sony ha presentato il programma “Welcome back” per PSN e Qriocity, con offerte di contenuti in download gratuiti. Tornando alla questione del data center, è evidente che adesso la maggiore preoccupazione di Sony è evitare il ripetersi di situazioni così spiacevoli ed aumentare il livello di protezione. Tra le nuove misure di sicurezza dovrebbero esserci un maggior numero di firewall, un livello migliore di [...]

2011-05-11T16:52:30+00:00 maggio 11th, 2011|Cybercrime, Datacenter|

Data Center Google: un tour nel container

Se siete curiosi di vedere un data center Google e di fare un tour virtuale nel container, questo video girato dalla stessa Google vi permetterà di soddisfare le vostre curiosità. Buona visione!

2011-01-20T13:42:04+00:00 gennaio 20th, 2011|Datacenter, Google|

Wikileaks: ISP in un bunker nucleare

Wikileaks è il sito che sta facendo tremare i potenti di tutto il mondo, rivelando documenti sensibili. Le cronache ne parlano senza sosta e qualche dettaglio arriva ad interessare anche noi di di Domini.it. Quella che vedete in apertura è una delle immagini panoramiche scattate in quello che sembra essere il bunker nucleare utilizzato come data center per i server di Wikileaks situato a Stoccolma. L'aspetto è quello della Batcaverna, decorata con pietre ruvide e foglie mimetiche. Il bunker si trova trenta metri sotto il suolo di una montagna rocciosa. Jann Lipka ha creato numerose fotografie panoramiche del sito, nelle quali potete "navigare" a 360 gradi. Vi consiglio di dare un'occhiata perchè sono davvero molto interessanti.

2010-12-01T12:02:58+00:00 dicembre 1st, 2010|Datacenter|

Toshiba: il design dei data center modulari

La Toshiba Corporation è entrata nel business dei data center modulari secondo un annuncio ufficiale della stessa compagnia. Toshiba avrebbe infatti completato un prototipo di design modulare in una struttura dimostrativa presso il Fuchu Complex a Tokyo. Si tratta del primo passo per entrare nel mercato Giapponese, prevedendo di espandere il business a livello globale nel mercato delle "attività del marketing energetico" La struttura dimostrativa di Toshiba è stata costruita in circa tre mesi, dimostrando i vantaggi di una scelta modulare nelle tempistiche ridotte rispetto ad un data center tradizionale, che può richiedere fino ad un anno di lavoro. Ogni stanza server della struttura modulare fornisce 200kVA di energia e ha un modulo di raffreddamento che utilizza aria fredda per diminuire il consumo energetico complessivo.

2010-11-29T12:02:50+00:00 novembre 29th, 2010|Datacenter|

Digital Realty Trust: nuova mega struttura per data center a Singapore

Il mercato IT asiatico è in fortissima espansione, in particolare per quanto riguarda nuovi data center e cloud computing. Ciò è spinto non soltanto dalle compagnie asiatiche, ma anche dalle grandi aziende europee e statunitensi che vogliono affermarsi in oriente. Questa è la strada intrapresa anche da Digital Realty Trust, uno dei più noti e grossi realizzatori di data center in tutto il mondo, che sta per acquisire una nuova struttura a Singapore. La struttura è grande 345.000 square foot e l'acquisto prevede l'investimento di 130 milioni di dollari. A breve quindi vedremo un nuovo grande data center attivo. Foto | Flickr

2010-11-22T15:10:57+00:00 novembre 22nd, 2010|Datacenter|

Data Center Apple in North Carolina: visuale aerea

Il nuovo data center di Apple situato a Maiden, North Carolina, è pronto a diventare operativo da un momento con l'altro. La struttura, di 500.000 piedi quadrati, potrebbe presto raddoppiare la propria capienza affiancando una seconda struttura delle medesime dimensioni sul posto. Quella che vedete nel video è una visuale area della struttura realizzata da Bill Wagenseller, ed è la prima occasione ufficiale di avere una anteprima dell'iDataCenter. Via | DataCenterKnowledge

2010-10-25T16:43:52+00:00 ottobre 25th, 2010|Datacenter|

Data Center Google: aumentano le spese

Le spese per i data center di Google sono aumentate ulteriormente nel terzo trimestre del 2010, come la compagnia stessa rende nota. Le spese ammontano a ben 757 milioni di dollari, una delle cifre trimestrali più alte fino ad ora per la compagnia, preceduta solo dalle spese sostenute nel 2008 per l'apertura di tre data center. A seguito della crisi economica del 2008, Google ha deciso di investire denaro nelle infrastrutture, spendendo 476 milioni di dollari nel 2009. Come potete verificare nel grafico in apertura, lo storico delle spese per i data center ha seguito questa linea di crescita: 1Q 2006: $345 milioni 2Q 2006: $699 milioni 3Q 2006: $492 milioni 4Q 2006: $367 milioni 1Q 2007: $597 milioni 2Q 2007: $575 milioni 3Q 2007: $553 milioni 4Q 2007: $678 milioni 1Q 2008: $842 milioni 2Q 2008: $698 milioni 3Q 2008: $452 milioni 4Q 2008:$368 milioni 1Q 2009: $263 milioni [...]

2010-10-19T12:23:06+00:00 ottobre 19th, 2010|Datacenter, Google|

Ridurre il consumo dei data center: il white paper Emerson

I data center sono sempre più numerosi, sono strutture grosse e consumano davvero molta energia; quest'ultima tende a costare sempre di più. Unendo questi dettagli otteniamo l'esigenza di una strategia per contenere i costi e l'impatto ambientale di queste strutture. Emerson Liebert ha creato un white paper, documento gratuito a disposizione del pubblico, che fornisce strategie per la gestione responsabile di un data center: diminuire il consumo energetivo, utilizzare men spazio fisico e aumentare la capacità di raffreddamento della struttura stressa. È necessario tener conto che i prezzi dell'energia sono aumentati del 56% negli ultimi anni, rendendo imprescindibile l'effienza energetica per strutture dalle grosse dimensioni. Il documento è consultabile a questo link. Foto | Flickr

2010-10-08T12:51:42+00:00 ottobre 8th, 2010|Datacenter|

Yahoo: nuovo data center ecologico in Svizzera

I data center ecologici (o "verdi", diretta traduzione del termine "green" utilizzato nei paesi anglofoni) sono il futuro, come abbiamo spesso avuto modo di raccontare. La sensibilità nei confronti dell'ambiente e il risparmio energetico sono diventati una parola d'ordine soprattutto per le grandi compagnie, che ne guadagnano in termini di risparmio economico e in termini di immagine. Yahoo! annuncia l'interessante progetto di riqualificazione di un vecchio impianto di produzione di imballaggi in Svizzera che verrà trasformato in data center ecologico. La nuova struttura sorgerà ad Avenches e, secondo le promesse della compagnia, sarà il 40% più efficiente nella procedura di raffreddamento rispetto ai data center più moderni e addirittura il 70% più efficiente di quelli meno recenti tramite il "Free Cooling", ovvero l'utilizzo dell'aria esterna per il raffreddamento e l'espulsione diretta dell'aria calda. Il data center Yahoo promette quindi di essere la struttura a minor consumo energetico e il più [...]

2015-06-18T13:27:25+00:00 ottobre 7th, 2010|Datacenter, Yahoo|

Università del Texas apre un data center "verde"

L'Università del Texas (raggiungibile al sito Internet www.utexas.edu) ha recentemente annunciato di aver completato il proprio data center da 32 milioni di dollari, appositamente pensato per andare incontro alle esigenze IT dell'istituto. Il progetto è stato approvato nel lontano 2008 e la costruzione è stata terminata intorno a Luglio scorso. La struttura misura 463 metri quadrati circa, connessioni ultraveloci ed attrezzatura avanzatissima, vantando anche un aspetto "green": viene utilizzato un sistema di continuità dela Active Power con tecniche di raffreddamento particolari.

2010-09-22T17:05:08+00:00 settembre 22nd, 2010|Datacenter|