DENIC: 9 domini brevi .DE a partire dal 12 Gennaio

A partire dal 12 Gennaio 2011, il Registry DENIC renderà disponibili 9 nomi a dominio .DE molto brevi, prima bloccati a causa di una ingiunzione temporanea. I domini in questione sono: dw.de, e.de, f.de, g.de, hr.de, sr.de, x.de, y.de, z.de. Le registrazioni seguiranno uno dei classici metodi utilizzati in questa occasione: chi prima arriva, prima ottiene il dominio. Poichè i domini disponibili sono solo 9, il DENIC utilizzerà comunque una procedura specifica secondo la quale i richiedenti devono manifestarsi ufficialmente tramite fax. Ogni dominio avrà un numero di fax apposito, attivo per 30 minuti. Ricordiamoci che il ccTLD .DE è una delle estensioni più apprezzate e sicure. Foto | Flickr

2015-06-25T14:17:09+00:00 dicembre 15th, 2010|Domini web|

I registrar difendono la whois privacy

I registrar stanno combattendo contro le critiche al sistema di whois privacy su molti fronti al meeting di Cartagena dell'ICANN, in atto questa settimana in Colombia. Alcuni registrar lottano contro una bozza dell'ICANN che renderebbe complici i servizi di privacy nel caso in cui gli utenti fossero accusati di cybersquatting. Lo scorso Maggio l'ICANN ha infatti dichiarato come i servizi di proxy/privacy siano responsabili per come gli utenti usano i domini per via del Registrar Accreditation Agreement, documento che tutti i registranti devono sottoscrivere. Ciò sottolinea la crescente tensione tra chi registra i nomi a dominio e richiede privacy e coloro che vogliono far valere gli interessi sulle proprietà intellettuali, ovvero coloro che cercano di tracciare e chiudere il più velocemente possibile domini utilizzati per intenti criminali e il cybersquatting. I registrar chiedono quindi di poter mantenere la privacy, ma di avere comunque un dialogo più diretto con chi difende [...]

2016-03-16T11:30:52+00:00 dicembre 9th, 2010|Cybersquatting|

Domini .UK brevi: inizia il periodo Sunrise

Nominet ha dato il via al periodo Sunrise per i domini .UK brevi (da una o due lettere). Il periodo in corso si chiama esattamente Registered Rights Sunrise ed è dedicato ai possessori di brevetti e marchi registrati, consistendo in due fasi di richiesta dei domini in cui viene permesso di domandare un nome a dominio che corrisponda col proprio marchio prima del 17 Gennaio 2010 e una validazione del diritto di ottenere un IP tramite una agenzia scelta da Nominet. Verrà richiesto di dimostrare l'utilizzo del proprio marchio registrato nell'UK almeno dall'1 Gennaio 2008. Come sappiamo, quando vengono effettuate più richieste per uno stesso dominio, verrà messo all'asta. Foto | Flickr

2016-03-16T11:31:39+00:00 dicembre 6th, 2010|Nomi a dominio|

.AU: revisione di alcune policy di registrazione

Le policy di registrazione per i domini .AU stanno per essere riviste dal Names Policy Panel come parte di un processo di rinnovamento che prende in considerazione il parere della comunità di Internet australiana. Gli argomenti che verranno discussi sono, in particolare: la restrizione che i registranti siano Australiani che abitano nella Nazione il periodo fisso di due anni per la licenza di un nome a dominio e il suo cambiamento introduzione di domini a carattere singolo a-z, 0-9 concessione di domini in leasing registrazioni di secondo livello concesse quale tipo di dominio di secondo livello un registrante può richiedere (COM.AU, ASN.AU, ORG.AU, NET.AU) possibilità degli individui di registrare domini inerenti ai propri interessi personali (cosa al momento non concessa) cambiamenti/aggiornamenti alla Reserved List che include marchi cambiamenti alle policy di monetizzazione dei domini. Il periodo di consultazione porterà a delle conclusioni e dei cambiamenti che verranno poi comunicati in [...]

2010-11-29T11:33:56+00:00 novembre 29th, 2010|Nomi a dominio|

Rupert Murdoch acquista i domini TheDaily.com e The-Daily.com

Si è diffusa nei giorni scorsi la notizia che il fondatore di News Corp, Rupert Murdoch, starebbe lavorando su un nuovo giornale quotidiano virtuale chiamato “The Daily”. Questo The Daily sarà creato appositamente per i tablet, in particolare per iPad di Apple. A quanto pare le cose vanno a ritmo sostenuto e sono nell'aria già da tempo, tanto che il nome a dominio TheDaily.com è stato venduto dal precedente proprietario ASSIST alla compagnia di Murdoch già lo scorso anno, cambiando poi l'indirizzo in TheDailyHomepages.com. A questo si aggiunge anche il nome a dominio The-Daily.com, acquistato da Murdoch lo scorso Agosto. Entrambi i domini appaiono come proprietà di DNStinations, ovvero una compagnia che fa da prestanome ai reali acquirenti. Foto | Flickr

2010-11-25T12:23:02+00:00 novembre 25th, 2010|Nomi a dominio|

Call Of Duty: indizi da alcuni nomi a dominio

Se siete dei domainer appassionati che nel tempo libero adorano i videogiochi, la notizia potrebbe interessarvi doppiamente: la saga Call of Duty potrebbe arrivare nello spazio nel 2011. Da tempo si "rumoreggia" di nomi quali "Call of Duty: Future Warfare" e "Call of Duty: Advanced Warfare" per il prossimo capitolo, confermati a quanto pare dall'acquisizione dei rispettivi nomi a dominio. Abbiamo visto spesso come l'acquisto di un dominio preceda lo svelarsi di un nuovo prodotto, che sia un cellulare o un videogioco. Alcune fonti ritengono i nomi a dominio una fonte abbastanza affidabile per rivelare le prossime ambientazioni del gioco, qualcuno invece rimane perplesso. Non resta che stare a vedere se, ancora una volta, la registrazione di un dominio precede l'uscita di un prodotto sul mercato.

2010-11-10T12:28:05+00:00 novembre 10th, 2010|Nomi a dominio|

1000 domini legati alla marijuana registrati negli Stati Uniti

Lo stato americano della California si prepara a legalizzare la marijuana e, più veloci della luce, sono stati registrati più di 1.000 domini legati alla sostanza. Un ex agente delle narcotici ha spiegato il fenomeno come un tentativo di accumulare più domini possibili in attesa che diventi legale e possa essere venduta o trattata online senza problemi. La California potrebbe infatti essere uno dei primi stati negli USA a permettere l'utilizzo e la vendita della sostanza e nomi a dominio come icecreammarijuana.com e marijuanapastry.com attendono solo di diventare un business. Naturalmente è alto il numero di compra questi domini al solo scopo di rivenderli a prezzo maggiorato successivamente. Foto | Flickr

2016-03-16T11:41:16+00:00 ottobre 29th, 2010|Nomi a dominio|

.XXX: Senatore Australiano contro l'estensione

Le discussioni legate all'adozione dell'estensione .XXX sembrano non avere fine. Questa volta è il turno di Stephen Conroy, Senatore australiano e Ministro per la banda larga, le telecomunicazioni e l'economia digitale, che ha scritto una lettera all'ICANN denunciando le fasi di intruduzione dell'estensione .xxx come top level domain. Nella lettera, Conroy argomenta la propria posizione contro l'introduzione a causa "della mancata identificazione della pubblica utilità" dell'estensione. L'ICANN dovrebbe consultare il Governmental Advisory Council (GAC) riguardo le revisioni apportate al contratto di .xxx con il Registry ICM. Conroy è però un personaggio pubblico poco amato, noto per la sua politica di censura online in Australia, tanto da attirarsi le critiche del popolo di Internet e una pagina satirica in suo onore su Wikipedia (ora rimossa, ma disponibile sulla cache di Google), che recita: Conroy ha subito l'estradizione dalla Repubblica Popolare Cinese nel Settembre 2010 per essere colpevole di violazione della Carta [...]

2010-10-26T16:14:54+00:00 ottobre 26th, 2010|Nomi a dominio|

PNINA lancia il ccTLD .falasteen in Arabo per la Palestina

Il PNINA ha annunciato ufficialmente il lancio del country code Top Level Domain (ccTLD) in Arabo per la Palestina, a noi noto come .falasteen. L'ICANN ha infatti completato le indagini tecniche e la registrazione del nuovo ccTLD nei domain server nel root DNS globale. Da ora è possibile raggiungere i siti con l'estensione legata alla Palestina utilizzando i caratteri dell'alfabeto Arabo nel domain name come (موقع.هيئة-مسميات-الانترنت.فلسطين) أو (موقع.بنينا.فلسطين). Marwan Radwan, General Manager del PNINA, ha commentato il lancio sottolineando come questo permetta di realizzare la presenza concreta della Palestina online, equiparandolo agli altri Stati indipendenti presenti nel cyberspazio. Le policy per la registrazione dei domini .falasteen sono già state scritte, insieme alle regole per le future possibili dispute e i prezzi di registrazione. I domini sono disponibili dal 15 Ottobre 2010 solo per organizzazioni internazionali e locali, compagnie e detentori di marchi registrati avranno a disposizione il periodo Sunrise fino [...]

2016-03-16T14:42:01+00:00 ottobre 26th, 2010|Nomi a dominio|

Barnes & Noble registrano NookColor.com, legato al nuovo terminale touchscreen

Abbiamo ormai parlato approfonditamente di quanto sia importante registrare un marchio come nome a dominio il prima possibile. Abbiamo visto come spesso le grandi compagnie si precipitino a registrare domain name, come invece altre non lo facciano per pentirsene poi in seguito. Barnes & Noble segue il primo filone, registrando il nome a dominio NookColor.com che, secondo insistenti rumor via Internet, sarà il prossimo terminale eReader della compagnia a colori, touchscreen, con display da 7 pollici. A breve scorpriremo se il rumor verrà confermato o se il dominio è stato registrato solo per "mettere le mani avanti".

2016-03-16T14:43:11+00:00 ottobre 22nd, 2010|Nomi a dominio|