Sud Corea proibisce agli utenti l'utilizzo dell'estensione Nord Coreana

La spaccatura tra Nord e Sud Corea si sta esacerbando e coinvolge anche il mondo dei nomi a dominio. Il Sud Corea ha infatti deciso di proibire ai propri utenti di utilizzare il Top Level Domain Nord Coreano .KP, poichè "i siti Internet Nord Coreani conterrebbero informazioni illegali". La decisione in questione è arrivata poche ore dopo che il sistema di nomi a dominio Nord Coreano è tornato in funzione: il controllo sull'accesso ad Internet da parte dei cittadini è strettamente controllato, pochi cittadini nord coreani hanno questo privilegio, ma il TLD .KP risulta comunque accessibile. Attendiamo di sapere quali saranno le ripercussioni di questa iniziativa. Foto | Flickr

2011-01-14T12:07:47+00:00 gennaio 14th, 2011|Infrastruttura di Internet, Nomi a dominio|

Nuovi TLD: l'ulteriore ritardo si ripercuote sui domainer

Abbiamo visto come l'ICANN abbia comunicato la possibilità che l'introduzione dei nuovi Top Level Domain ritardi ulteriormente, arrivando probabilmente fino ad Agosto 2011, e ciò ovviamente comporta delle conseguenze all'intero panorama. Un gran numero di domainer ed investitori sono contro l'introduzione indiscriminata di nuovi TLD, o quanto meno contro le tempistiche dilatate previste. La paura condivisa è quella che le nuove linee guida sulla proprietà intellettuale, una mancanza di controllo sui prezzi ed una generale confusione vengano estesi ai top level domain già esistenti ed utilizzati, come il .com. Si teme inoltre che l'ICANN collassi sotto il peso delle azioni legali, lasciando l'intero sistema dei nomi a dominio in una confusione irreparabile. Si tratta di paure più che valide e ulteriori ritardi/negoziazioni per nuove estensioni non faranno che ripercuotersi sui domainer. L'ICANN incontrerà il Governmental Advisory Committee in Febbraio e dicuterà della proprietà intellettuale in modo definitivo, non dovrebbero esserci [...]

2010-12-22T11:47:24+00:00 dicembre 22nd, 2010|Infrastruttura di Internet, Nomi a dominio|

Registrazione di TLD: come sono distribuite?

Spesso parliamo di piccoli o grandi progressi nel numero di registrazione delle singole estensioni, che siano Top Level Domain generici o ccTLD specifici. Attualmente, quali sono i numeri di Top Level Domain attivi al mondo? A livello globale e secondo le ultime stime, i ccTLD attivi in tutto il mondo sono 80 milioni. Per quanto riguarda i TLD, questi sono i numeri stimati per quanto riguarda i domini attivi: .COM: circa 90 milioni di registrazioni a fine Settembre .DE: 14.064.261 al 20 Dicembre .NET: circa 13 milioni a fine settembre .UK: 9 milioni .ORG: circa 8.5 milioni a Giugno 2010 .INFO: oltre 6.5 milioni a Settembre 2010 .CN: 6.047.926 al 3o Settembre .NL: 4.201.120 al 20 Dicembre .EU: 3.351.014 al 20 Dicembre .RU: 3.126.875 (a cui sommare 334.162 nomi a dominio IDN .РФ aggiornati al 20 Dicembre) Foto | Flickr

2010-12-21T11:23:10+00:00 dicembre 21st, 2010|Infrastruttura di Internet, Nomi a dominio|

Afilias scelto da dotHOTEL come Registry e DNS provider

Al 39° International Meeting di ICANN, Afilias ha annunciato di essere stato scelto da dotHOTEL come registry e DNS provider per la richiesta ad ICANN del nuovo top level domain .hotel. dotHOTEL è supportata dall'International Hotel and Restaurant Association, la più grande associazione al mondo di operatori del settore turistico-alberghiero. "Abbiamo scelto Afilias per la sua notevole esperienza sui nuovi TLD e la capacità che ha nell'aiutarci ad assicurare che i domini .hotel realizzino il loro potenziale massimo nel mercato globale dei nomi a domini" ha detto Lenz-Hawliczek, co-fondatore di dotHOTEL. "Afilias ha una lunga e illustre carriera come registry e DNS provider affidabile e quindi assicura un supporto tecnicamente stabile per il lancio e la crescita della nuova casa globale per i servizi alberghieri su internet". dotHOTEL farà richiesta per la nuova estensione non appena ICANN inizierà ad accogliere le richieste, prevedibilmente nel secondo trimestre del 2011. L'obiettivo di [...]

2010-12-07T15:24:35+00:00 dicembre 7th, 2010|Nomi a dominio|

ICANN: richiesta ancora la cooperazioni globale contro le minacce alla sicurezza

Il Presidente e CEO dell'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) ha sollevato ancora l'attenzione sulla crescente condivisione online di informazioni e i rischi crescenti alla sicurezza che ciò comporta all'Internet Domain Name System (DNS). Rod Beckstrom ha dichiarato: Le buone misure di sicurezza non possono essere sviluppate a vuoto. Abbiamo bisogno di documentare i pericoli che corre il DNS. Questa è la dichiarazione rilasciata durante la sessione di apertura del meeting dell'ICANN a Cartagena, durante il quale è stato richiesto alla comunità di Internet e ai Governi di tutto il mondo di collaborare nella battaglia ai pericoli online. Secondo Beckstrom molti preferirebbero discutere i rischi e i pericoli in privato, ma una discussione pubblica risulta essenziale per comprendere la reale situazione attuale, prevenendo attacchi e gli eventuali impatti. Secondo l'ICANN i Governi dovrebbero essere più coinvolti, rimanendo fedeli alla promessa di lavorare sulla sicurezza. Aprire inoltre lo spazio [...]

2010-12-07T15:22:09+00:00 dicembre 7th, 2010|Infrastruttura di Internet, Nomi a dominio|

Domini .SO: fase di landrush rinviata

Il registry per il country code Top Level Domain .SO, legato alla Somalia, ha annunciato di voler estendere il periodo di registrazioni sunrise. Anche se il lancio dell'estensione .SO risale all'1 Novembre 2010, il Registry ha deciso di concedere un altro mese per le registrazioni sunrise per via dell'altissima richiesta. Il periodo sunrise esteso terminerà quindi il 31 Dicembre 2010, con l'inizio della fase landrush per assegnare all'asta i domini più rischiesti prevista per il 10 Gennaio 2011. Questa ulteriore fase terminerà il 28 Febbraio 2011, lasciando aperte al pubblico le registrazioni dall'1 Aprile 2011. Foto | Flickr

2016-03-16T11:32:10+00:00 dicembre 1st, 2010|Nomi a dominio|

Il totale delle registrazioni dei nomi a dominio supera i 200milioni

I nomi a dominio registrati superano i 200milioni, secondo quanto rivelato da Verisign in un rapporto sul terzo trimestre dell'industria dei domain name. Per essere precisi, i domini registrati complessivamente sono 201,8 milioni, con un incremento del 2%, pari a 3.8 milioni di domini, rispetto al secondo trimestre dello stesso anno. Comparando queste cifre con l'anno scorso, invece, scopriamo un incomemento del 7% pari a 13.3 milioni di domini in più registrati. La maggior parte di questi riguarda le estensioni .COM e .NET, le più apprezzate: 7.5 milioni di nomi a dominio solo durante il terzo trimestre del 2010. Classificando i TLD in termini di dimensioni otteniamo: .com, .de (Germania), .net, .uk (United Kingdom), .org, .info, .cn (Cina), .nl (Olanda), .eu (Europa) .ru (Russia). I soli country code Top Level Domain registrati nel terzo trimestre del 2010 sono stati 79.2 milioni. Foto | Flickr

2015-06-26T10:46:24+00:00 novembre 30th, 2010|Nomi a dominio|

156 domini landrush .CO all'asta il prossimo anno

Il registry che gestisce l'estensione .CO ha organizzato circa 2.500 aste landrush durante questo primo anno di rilancio del top level domain. Circa 156 delle aste non hanno avuto conclusione e i questi domini rimasti verranno nuovamente offerti nel primo trimestre del 2011. Questi 156 verranno offerti apertamente, ovvero non è necessario fare una domanda landrush per un nome a dominio per accedere all'asta. Il registry ha dichiarato di aver pensato a tutto il necessario per garantire a chiunque l'opportunità di aggiudicarsi questi domini, richiedendo solamente di segnalare la propria partecipazione per tempo. Chi parteciperà potrà essere certo di offrire in tutta sicurezza poichè gli offerenti non autorizzati verranno bloccati. Foto | Flickr

2015-06-25T14:17:37+00:00 novembre 25th, 2010|Domini web|

.IS: nuova legge per le policy di registrazione

Il ministro delle telecomunicazioni islandese ha pubblicato una poposta di legge riguardante il Top Level Domain .IS. La nuova legge proposta riguarda anche tutti i TLD che in futuro riguarderanno o faranno riferimento all'attuale estensione islandese. Per 25 anni, ovvero sin da quando hi.is (primo dominio islandese) è stato registrato, sono state applicate le regole del registry ISNIC. Queste regole continueranno ad essere in vigore ma, in futuro, nel caso in cui la proposta venga accolta, verranno sostenute da leggi e regolamentei appositi. Attualmente la proposta è aperta ai commenti del pubblico e la speranza è quella di fornire maggiore protezione ha chi registra i domini, maggiore indipendenza dai controlli e dalle registrizioni e maggiore sicurezza dalle truffe. VIa | Flickr

2016-03-16T11:32:41+00:00 novembre 24th, 2010|Nomi a dominio|

Domini .EU: la situazione nel terzo trimestre del 2010

EURid, il registry che gestisce il top level domain .EU, ha pubblicato un ennesimo documento che mostra la situazione per il terzo trimestre del 2010, dimostrando come i domini .EU abbiano raggiunto traguardi importanti. Durante il terzo trimestre dell'anno in corso, la Germania ha passato l'un milione di nomi a dominio .EU registrati, mentre il Belgio ne ha contati 100.000. Si sono verificati grossi passi avanti anche in stati quali l'Estonia, con un +47%, e la Lituania, con un +43.9% rispetto allo stesso periodo del 2009. L'estensione .EU ha mantenuto la propria posizione nella top ten dei TLD più diffusi al mondo con 3.246-347 domini registrati e un incremento dell'8.5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Alla fine del trimestre preso in considerazione, la Germania ha visto una crescita dell'8.9% rispetto agli anni precedenti con 1.004.535 domini .eu registrati, tanto da essere nella top ten del TLD più utilizzati nel [...]

2016-03-16T11:33:32+00:00 novembre 24th, 2010|Nomi a dominio|