Scegliere un hosting: SLA (Service Level Agreement)

2010-08-16T20:54:36+00:00 16/agosto/2010 |Hosting, Sysadmin|

agreement
Saprete sicuramente di cosa sto parlando e li avrete visti centinaia di volte compilando form online, installando software e persino quando avete sottoscritto l’abbonamento adsl. Ma quanti di voi li leggono veramente? Per molte persone i Service Level Agreements (SLA) o Terms of Service Agreements (TOS) sono solamente formalità legali che possono essere tranquillamente ignorate. Quando però si tratta di creare un sito web e, in particolare, quando si tratta di sviluppare una vera e propria attività online, sarebbe una saggia decisione leggere attentamente.

Un documento SLA tipico comprenderà una parte dedicata a quali tipologie di siti web è permesso creare. Per esempio, se avete intenzione di realizzare un sito adult, fate attenzione che il fornitore di hosting che state scegliendo permetta la pubblicazione di questo tipo di contenuti. Non ha niente a che vedere con la censura, piuttosto molti provider si tutelano per l’utilizzo eccessivo di banda e di memoria che necessariamente ne deriverebbe.

Altre questioni da considerare sono quelle relative alle policy sull’invio massivo di email (spamming), gestione di browser game, file sharing, eventuali risarcimenti in caso di mancato servizio e copyright. Non si può rischiare di mandare in fumo il tempo e i soldi investiti in un progetto per colpa del proprio hosting. Se avete dubbi la cosa migliore da fare è contattare direttamente il vostro provider e chiedere se il sito che volete realizzare è ospitabile sui loro server.

Foto | Flickr