Trasparenza dei dati: tocca all’Italia

2011-10-19T09:33:38+00:00 19/ottobre/2011 |Datacenter|

La notizia è di ieri e riguarda una questione sempre attuale: la libera circolazione delle informazioni e dei dati. Attraverso il portale Dati.gov.it contenente dati della Pubblica Amminiztrazione, è possibile avere accesso ad una mole più o meno consistente di informazioni.

Da tempo si sta cercando da più parti di garantire una migliore circolazione dei dati ed una maggiore trasparenza allo scopo di promuovere l’ accessibilità. E dunque sulla scia di altri esempi eccellenti, primo tra tutti quello degli USA, anche il nostro paese ha deciso di lasciare un certo margine alla trasparenza, anche attraverso questo portale.

Online ci sono già i dati della Regione Emilia Romagna e del Comune di Firenze. Pubbliche Amministrazioni che hanno a che fare con una mole di dati non indifferente e che attraverso portali come questo possono davvero tutelare la libera circolazione delle informazioni. Sul portale l’accesso può avvenire attraverso il vademecum, destinato a dipendenti, dirigenti e amministratori pubblici e poi attraverso la licenza Italian Open Data Licence (IODL), sviluppata da Formez per garantire la liberazione dei dati pubblici. Oltre all’inaugurazione del portale c’è stata la presentazione del contest Apps4Italy: tutti i cittadini e le associazioni possono progettare soluzioni e applicazioni basate sull’utilizzo di dati pubblici per migliorare servizi e attività di ogni giorno (fare la spesa, utlizzare i mezzi pubblici, cercare parcheggi ecc). Una bella novità dunque, in un settore da sempre caratterizzato da dati che devono necessariamente essere trasparenti per essere gestiti al meglio.