Domini locali destinati a sparire?

2017-11-02T17:01:55+00:00 02/novembre/2017 |Social Network|

domini locali

 

La notizia sta circolando in queste ore e riguarda le estensioni dei domini che prima erano fortemente identificativi per la localizzazione geografica. I vari .it per l’Italia, .de per la Germania, .ch per la Svizzera che prima ci aiutavano a identificare un luogo e la provenienza geografica di un dominio potrebbero essere destinati a sparire, per via di un’attenzione diversa verso gli utenti, che sono ormai geo-localizzati.

Come ha annunciato Google, le ricerche saranno ormai direttamente collegate all’utente e alla sua posizione.  Se un utente abita in Germania i risultati saranno direttamente connessi all’utente stesso: non ci sarà più bisogno di andare a cercare risultati collegati a una nazione, ma sarà sufficiente effettuare una ricerca qualunque.

Per modificare eventualmente le impostazioni geografiche nei risultati di ricerca, si può agire direttamente sulle impostazioni che abbiamo dato al nostro browser. Per esempio se si apre la homepage di Google con Chrome, in basso a destra, cliccando proprio su Impostazioni si può selezionare l’area geografica. In questo modo se lo si desidera, si avranno i risultati per il paese prescelto.

Questa modifica di cui alcuni manager di Google hanno ampiamente parlato in questi giorni, ha fatto pensare subito al mondo dei domini e delle estensioni geografiche. Cosa accadrà ai .it, .de, .cat e tutti quei domini che hanno una forte connotazione geografica e fino ad oggi hanno rappresentato una componente identificativa forte e incontrovertibile? Cambieranno le regole e i risultati di ricerca? Che senso avrà specificare l’estensione geografica di un dominio?

Vedremo cosa porterà ma per il momento sembra esserci ancora forte l’esigenza di risultati pensati proprio per l’utente e per i luoghi che lo riguardano. Sembra infatti un’abitudine diffusa, una tendenza a cui siamo abituati ormai da tempo, basti pensare alle ricerche di locali e ristoranti, spesso associati anche alle mappe e alla vicinanza o lontananza rispetto alla nostra posizione. Interessante quanto utile quindi la possibilità di avere risultati di ricerca dedicati proprio a quanto accade intorno a noi e alla nostra posizione geografica. Un’evoluzione utile, che forse penalizzerà alcune estensioni ma che potranno comunque esistere, come a indicare una connotazione più forte.